Skip to Content

Viaggi: quello che bisogna sapere prima di partire

Naturalmente la scelta dei farmaci da portare con sé in viaggio dipende soprattutto dalla zona che si visita, in tal caso occorre documentarsi presso le strutture sanitarie preposte.

Prima di partire è necessario documentarsi con precisione sulla situazione sanitaria che si può trovare (in alcuni casi è indispensabile perché in certi paesi l'ingresso è consentito solo a chi è vaccinato contro specifiche malattie). Si possono così evitare problemi durante il soggiorno ma soprattutto si possono prevenire spiacevoli conseguenze al ritorno. La sezione http://www.ministerosalute.it/malattieInfettive/malattieInfettive.jsp del sito del Ministero della salute fornisce, tra le altre, una serie di informazioni al viaggiatore:

  • tutte le informazioni sanitarie relative ad ogni Paese del mondo
  • l'elenco delle strutture in Italia dove è possibile ricevere ulteriori chiarimenti di carattere sanitario e sottoporsi alle vaccinazioni internazionali con rilascio di certificati validi all'estero

Se non sono segnalate particolari precauzioni, è, comunque, utile che il viaggiatore porti con sé:

  1. Scorte sufficienti dei farmaci usati abitualmente (antidiabetici, antipertensivi, antiepilettici, antianginosi, ecc.) per la difficoltà di trovarli all'estero. Per maggiore sicurezza, è opportuno farsi rilasciare dal medico curante una o più ricette con prescrizione dei medicamenti di cui il viaggiatore potrebbe aver bisogno, dove specificare il nome commerciale del prodotto e il principio attivo.
  2. Alcuni farmaci che potrebbero essere utili.
    • poiché la diarrea del viaggiatore è l'affezione più frequente nei viaggiatori, è opportuno portare con sé un antimicrobico ad ampio spettro (microrganismi aerobi, anaerobi e micobatteri) e basso assorbimento sistemico.
    • un termometro, un antipiretico (contro la febbre), un analgesico ed un antisettico delle vie urinarie.
    • garze sterili, disinfettante e tutto l'occorrente per una rapida medicazione.

NB - Se si viaggia in zone malariche, è bene rifornirsi le scorte degli antimalarici prescritti in quantità sufficiente e quelli per l'automedicazione (farmaci di riserva da usarsi nel caso di comparsa di sintomatologia malarica ed impossibilità a raggiungere presidi medici), di un insetticida ed eventualmente di zanzariere al piretro.

(Redazione Ministerosalute.it - maggio 2002)

Data pubblicazione: 17 maggio 2002

Per maggiori informazioni clicca il link [link]